Senza parole ma con la rabbia dentro.

“L’ho uccisa a coltellate e poi ho bruciato il suo corpo quando era ancora viva”. Sono le notizie come questa di Corigliano Calabro che ti lacerano dentro. Perché ad un gesto del genere non c’è scusante. Nessuna scusante. Nemmeno la gelosia. Nemmeno il possesso. Sicuro. Nemmeno l’amore. Anzi, meno che mai l’amore. Perché l’amore è altra cosa. Purtroppo non lo insegnano a…