‘Ma questo si saprà in Paese?’

 

“Mi chiamava lurida mula”.

“…salì sulla mia pancia e mi diede tante di quelle botte che persi il mio bambino”.

Di Vincenzina e della sua vita conosco solo quello che i giornali raccontano.

Ma il suo racconto è anche il racconto di altre 6 milioni e 788 mila donne (dati ISTAT)

Delle parole di Vincenzina, questa è quella che più di tutte mi rimbomba nel cervello: ‘Ma questo si saprà in Paese?

Povera Vincenzina, vittima di un marito violento e di una cultura patriarcale che vuole l’uomo dominante e la donna sottomessa.

Deve essere stato liberatorio per lei: “L’ho ucciso con il bastone con cui mi picchiava”.

Ma non è così che avrebbe dovuto finire Vincenzina.

Non dovrebbe mai finire così.

Ma nemmeno mai dovrebbe essere instillato nelle coscienze che se un uomo malmena una donna il senso di colpa e la vergogna sia di lei e solo di lei Family Day – Roma 20 giugno 2015

Anche se domani, sì, si saprà in paese.

Annunci

#MottaVisconti “Perché mi fai questo?”

Quasi si riesce a vedere tutto lo stupore del viso di Cristina: “Perché mi fai questo?”.

Lo stupore per un atto insulso, inutile, senza ragione … senza futuro.

“Non c’è stato un raptus o un elemento scatenante – hanno aggiunto gli inquirenti – come una lite, o una brutta notizia: Lissi ha agito in modo lucido, nonostante il folle gesto”

Io non riesco a chiamarlo “folle gesto”. Davvero non mi riesce perché lascerebbe spazio all’infermità mentale.  Ma “ha agito in modo lucido” questo sì riesco a registrarlo e codificarlo con chiarezza nella mente: un gesto lucido e volontario.

Cristina e i suoi bambini sono stati uccisi da un freddo, lucido e volontario assassino.

“Avevano il mostro in caso e non se ne sono accorti”

Cristina e i suoi bambini sono stati uccisi come tante , troppe altre donne e bambini, vittime di un maschio fallito.

 

#8Marzo – Le donne lo sanno.

Ho fatto molte cose nella mia vita, ma di occuparmi dell’organizzazione di una mostra d’arte non mi era capitato mai.

l’Altro ieri hanno terminato l’installazione dei quadri per questo 8 marzo ed era sera inoltrata ormai quando finalmente riesco a trovare il tempo per fare un giro in sala.

Non c’è più nessuno.

Sono sola. Io e me.

Scatto alcune foto dell’ambiente che ospita la mostra di sole artiste donne.

Non c’è una buona luce. Le lampade sul soffitto si specchiano sui vetri dei quadri e disturbano l’osservatore. Me ne accorgo con più consapevolezza quando rivedo le foto appena scattate. Faremo l’inaugurazione l’indomani nel tardo pomeriggio e spero che le luci non diventino un problema.

No, non c’è una buona illuminazione, ma quel quadro mi salta comunque agli occhi.

foto4

O, per meglio dire, mi salta comunque al cuore. Mi avvicino è scatto una foto

ALBATROS - Antonia Bortoloso

Antonia Bortoloso

Le donne lo sanno. Lo sanno da dentro. Lo comprendono con le cellule prima che con la mente.

Non so se sia per un fattore genetico o per istinto o per substrato culturale, ma sono certa che qualunque donna vedendo questo quadro capisce all’istante l’intenzione dell’artista.

C’è una poesia in basso a destra del quadro, lì le fastidiose luci non disturbano l’osservatore.

Mi avvicino e leggo: 

Io ero un uccello
dal bianco ventre gentile,
qualcuno mi ha tagliato la gola
per riderci sopra
non so.
Io ero un albatro grande
e volteggiavo sui mari.
Qualcuno ha fermato il mio viaggio,
senza nessuna carità di suono.
Ma anche distesa per terra
io canto ora per te
le mie canzoni d’amore.

La riconosco subito. Subito. E mi scivola una lacrima.

Ma non importa, tanto non c’è nessuno.

Sono sola. Sono solo io e me.

Anzi… no.

Con me c’è Alda Merini e la sua poesia e c’è Antonia, che ha realizzato il quadro.

Ci sono le donne che non ho mai conosciuto, ma di cui ho letto sui giornali perché vittime di #femminicidio.

Ci sono le bambine vittime di infibulazione.

Ci sono le donne vittime di maltrattamenti, donne private della possibilità di decidere di se stesse e del loro corpo, del loro futuro… 

Con me ci sono le Donne. Quelle stesse donne che, come nel quadro di Antonia, sono state strappate, stracciate, ferite nel corpo e nell’anima.

Vorrei si smettesse, e vorrei lo facessero le giovani donne in primis, di chiamare l’8 marzo “festa della donna”. Perché da festeggiare, davvero, non c’è niente.

E le donne lo sanno, lo sanno da dentro, lo sanno nelle cellule.

Didì

P.S.: ringrazio di cuore Antonia Bortoloso per la sua arte e per la sua sensibilità e per avermi permesso di utilizzare, su questo piccolo blog, la foto “rubata” l’altra sera.

 

#25N #orangeurworld – End Violence against Women – Orange World in 16 Days

Parlare di violenza non è mai semplice e parlare di femminicidio è ancora più difficile. In particolar modo quando il termine femminicidio non è ben chiaro nella mente delle persone. Marcela Lagarde definisce così questo termine che nuovo non è: Femminicidio è «La forma estrema di violenza di genere contro le donne, prodotto della violazione dei suoi diritti umani in ambito pubblico e privato, attraverso varie condotte misogine – maltrattamenti, violenza fisica, psicologica, sessuale, educativa, sul lavoro, economica, patrimoniale, familiare, comunitaria o anche istituzionale – che comportano l’impunità delle condotte poste in essere tanto a livello sociale quanto dallo Stato e che, ponendo la donna in una posizione indifesa e di rischio, possono culminare con l’uccisione o il tentativo di uccisione della donna stessa, o in altre forme di morte violenta di donne e bambine: suicidi, incidenti, morti o sofferenze fisiche e psichiche comunque evitabili, dovute all’insicurezza al disinteresse delle Istituzioni e alla esclusione dallo sviluppo e dalla democrazia».

Se è così – e così è! – allora siamo tutti e tutte chiamati in causa. Siamo tutti e tutte coinvolti. Nessuno escluso.

Molte sono le donne e le associazioni femminili e femministe impegnate su un tema così difficile come la violenza di genere, molti di meno sono gli uomini attivi e presenti su questo fronte. Uomini che perlopiù non si occupano o sono assenti sul problema o, nel peggiore dei casi, negano il fenomeno del #femminicidio. Io credo dovrebbero invece sentirsi chiamati in causa, perché parte di questa società. Ma qualche eccezione esiste:  www.noino.org  ultimo esempio, tra i pochi nati, di azione di sensibilizzazione al maschile sul tema della violenza sulle donne. Ma ancora sono pochi e il loro silenzio è assordante.

In merito all’assenza di voci che si levassero forti ed agissero riguardo il  femminicidio,  aveva visto bene l’ex Ministra alle Pari Opportunità Josefa Idem: creare una Task Force che includesse, non solo le istituzioni, ma tutti coloro che di violenza sulle donne si occupano ogni giorno. Un primo valido esempio di azione condivisa è stata la creazione, da parte dell’ASL di Grosseto, del Codice Rosa , un protocollo che, visti i risultati positivi, è stato poi esportato dalla Regione Toscana in altre ASL del suo territorio.

Ora, come già scrissi su questo blog, non solo siamo orfane di un Ministro alle Pari Opportunità, ridotta oggi ad una mera ed inutile delega, ma non abbiamo più nessuno che lavori su quella Task Force.

Prendiamo atto che non ci mancano le idee. Semplicemente ci viene negata la possibilità di renderle fattive.

Condivido il pensiero di tutte coloro che non hanno voluto chiamare questa giornata “Sciopero delle Donne” perché io, così come loro, non capisco riguardo a cosa avrei da scioperare.

Lo sciopero implica il fermo di qualsiasi attività ed io non ho la men che minima intenzione di sospendere la mia azione contro la violenza sulle donne, sulle bambine, sull’infanzia in generale e contro ogni forma di violenza. Ma anzi incito e invito chiunque si senta un essere umano appartenente al futuro a parlare, discutere, ideare, costruire e impegnarsi per abbattere questo muro di cecità istituzionale, umana, culturale, educativa e religiosa che rende le donne schiave di stereotipi, di becere culture patriarcali, di machismo stantio.

È chiaro a tutti, ma forse anche no, che il #femminnicidio è più radicato e complesso di quanto non sembri e poggia su alcune strutture culturali, economiche e sociali che andrebbero alcune abbattute, altre modificate e altre ancora costruite ex novo. Un’azione condivisa, costante e incalzante da parte di chi oggi manifesta la volontà di cambiare questa realtà, renderebbe non procrastinabile un coinvolgimento sostanziale di tutti coloro che operano a livello culturale come nella scuola, nella televisione, nei giornali, nella pubblicità. Renderebbe esigibile un’azione fattiva da parte delle istituzioni governative coinvolgendo più ministeri, così come proposto dall’allora ministra. Coinvolgerebbe inoltre attori sociali come i sindacati, le associazioni e la famiglia. Perché anch’io, come tutte, sono convinta che l’azione debba essere corale. 

E’ stato approvato un decreto #femminicidio che non tutela la donne, ma mette in pace la coscienza di chi la vera soluzione non l’ha voluta. Perché costava fatica e soldi. Le donne chiedevano un’azione più matura e consapevole che desse sostegno, coraggio e forza alle donne in difficoltà, che desse loro la possibilità di rendersi economicamente indipendenti, che prevedesse per loro un rifugio nel momento del bisogno. 

E’ stato un buco nell’acqua. Perché si pensa alle donne ancora come fragili ed incapaci di prendere in mano la propria vita. Perché ancora si vuole le donne attrici passive della propria esistenza. 

E’ con queste convinzioni che questa giornata non la chiamo “Sciopero delle Donne”. Perché le donne sanno bene di cosa hanno bisogno, sanno come gestire la propria vita e cosa è bene per loro. Le donne non hanno bisogno di mero assistenzialismo, hanno bisogno di possibilità. Ed io so che non si fermeranno un solo minuto, ed io con loro. So che lotteranno e agiranno fino a quando no avranno raggiunto l’obiettivo. Ed io con loro. So che qualsiasi coloro oggi si voglia utilizzare per questa protesta, qualsiasi nome gli si voglia dare loro faranno squadra. Ed io con loro.

Non stiamo ferme. Iniziamo subito, con urgenza. Iniziamo da loro.

#orangeurworld

End Violence against Women  “Orange World in 16 Days” #orangeurworld

Didì 

 

Blogging Day #NoViolenza

“Ogni evento, anche nella nostra vita, è il risultato di migliaia di cause che producono, assieme a quell’evento, altre migliaia di effetti, che a loro volta sono le cause di altri migliaia di effetti.” 

Rubo questa frase di Tiziano Terzani non solo perché la condivido, ma perché penso che ora più che mai si ha bisogno di Cause Buone che producano Effetti Buoni.

Ognuno di noi può fare molto perché come mille e mille e mille gocce possiamo creare un mare…

Possiamo iniziare dalle parole e proseguire con l’esempio, con l’azione costante, attiva, consapevole.

Una buona prassi da imparare noi, ora, subito e da lasciare culturalmente a coloro che verranno.

Perché la #NonViolenza è un fatto culturale e non solo di animo.

#DecretoFemminicidio e il vuoto che mi resta

Ce lo siamo dette in ogni lingua del mondo, lo abbiamo gridato, ballato,  postato, twittato, scritto… e ancora adesso, dopo le ennesime tre vittime di oggi, sappiamo solo che quegli uomini verranno puniti con più severità. Forse.
Ma la punizione presume vi sia già una vittima -alla faccia della prevenzione e contrasto- che non è stata protetta, che non è stata ascoltata, che ha denunciato ma che non è stata salvata.
La verità, amarissima, è che nessuna vera prevenzione o contrasto è stata prevista nel #DLfemminicidi, ed io mi sento inerme. Come altre milioni di donne, mi sento impotente. Mi sento usata da questa politica che strumentalizza fatti gravissimi come la violenza sulle donne a scopo di mera propaganda politica.
Così io mi sento.
Certo occorre essere duri nella punizione, ma non può essere dura solo in alcuni casi: la donna è incinta, c’è un minorenne, avviene “in famiglia” (questa poi è buffa: in famiglia, cosa vuol dire, che in questo caso anche una coppia di conviventi è considerata famiglia? oppure no??). L’omicidio di una donna è sempre un omicidio e non può essere considerato più o meno grave. E’ un omicidio di genere. Punto.
Insomma, tanto dire e poi la montagna ha partorito un topolino piccolo piccolo e pure monco, orfano com’è di buon senso, che, in questo caso, si chiama prevenzione e contrasto veri.
Perché la prevenzione deve avvenire dal basso, dal profondo del problema che per me, come per altre milioni di donne,  è e resta culturale.
Cosa c’è nel DL Sicurezza? leggete qui e vi accorgerete che è sterile, io non ci leggo la volontà di affrontare il problema alla radice. Forse lo faranno in un tempo “poi”? Forse, ma sicuro risulterà un tempo “tardi”.

Donne più impegnate di me, con più armi culturali di me,  hanno e stanno scrivendo in merito, ma il silenzio degli uomini su queste tematiche, che li tocca, o dovrebbe toccarli, nel profondo, mi spiazza, mi lascia interdetta: ma davvero non avete niente da dire?

Mi sento orfana di Ministero e Ministro delle Pari Opportunità

Un mese fa mi assaliva la speranza.

Josefa Idem aveva visto giusto: coinvolgere in modo trasversale i vari ministeri: Interno, Istruzione, Giustizia, Economia, Lavoro, Difesa, Integrazione e Salute; tutti chiamati ed impegnati nella lotta al #femminicidio.

Ora di quella speranza mi è rimasto ben poco.

Non un Ministero e nemmeno un Ministro.

Solo la pagina web del Dipartimento per le Pari Opportunità che, dopo le dimissioni del Ministro Idem, va a rilento, quasi si ferma.

Sicuro si ferma al giorno 19 giugno con l’ultimo comunicato riguardante l’approvazione della Convenzione di Istambul contro la violenza su le donne.

Ecco, la mia speranza è orfana da quella data.

Stop Femminicidio

 

#GliShortsNonStuprano : cosce al vento contro la morale che giustifica gli stupri

Ex UAGDC

Attenzione, sono state avvistate a Roma, nei pressi di Villa Borghese, esemplari di quattordicenni, dette anche “quartine” in qualità di allieve di quarta ginnasio, in shorts.

Lo sfortunato testimone di tutto ciò è stato un collaboratore – forse inviato speciale  di tale sciagura? – del Secolo XIX
Non si sa se questo poco consono abbigliamento sia adottato anche da ragazze che frequentano il liceo scientifico o l’istituto commerciale, ma sappiamo con sicurezza che anche Genova e i paesini sardi hanno strade, vicoli e parchi pubblici invasi da giovanissime ragazze in pantaloncini.
Da un’attenta analisi della quantità di chiappa esposta parrebbe trattarsi non di shorts ma addirittura di minishorts (per una definizione scientifica di minishorts rimando a questa descrizione “jeans che arrivava molto più in alto della fine dei glutei”).
Le giovani donne, oltre all’impudico capo di abbigliamento, sarebbero solite eccedere con comportamenti altrettanto inadeguati come prendere il sole al…

View original post 567 altre parole

A volte penso che davvero che ce la possiamo fare

Ci sono momenti che mi assale la speranza.

Quando leggo dichiarazioni come quella di Josefa Idem rilasciate a Luisa Betti su Il Manifesto di oggi, mi assale la speranza.

Quando leggo i tweets di donne che sul web, in soli 140 caratteri, riescono a dare un contributo culturalmente importante, che tengono alta l’attenzione su un tema delicato come la violenza sulle donne.

Quando quelle stesse donne, o altre donne – tante donne – nei loro blog parlano e denunciano un fenomeno vergognoso, un guasto culturale come il femminicidio; io provo speranza.

Quando, su quello stesso web, su quello stesso twitter, leggo uomini che conducono la stessa battaglia, insieme con le donne, insieme per le donne, e, forse, anche un po’ per se stessi, per dissociarsi, per dire, forse, a noi donne, che esistono uomini diversi; io provo speranza.

A volte mi assale la speranza che la lotta contro il femminicidio sia possibile, fattibile ma solo con l’aiuto e l’impegno di tutti.

Convenzione di Istambul: storie di assenze e di altre vergogne.

Finalmente oggi si discute il DDL sulla Convenzione di Istambul riguardante il contrasto alla violenza su le donne. Mi domando come possano votare domani i deputati oggi assenti in aula. E’ così poco importante il #femminicidio per un deputato eletto dal popolo?

camera

p.s.: i scranni vuoti sono quelli della destra, sarei curiosa di vedere una panoramica di tutto l’emiciclo.

Comunque: presenti n°150 deputati

Un omicidio è forse passionale?

Il #femminicidio di sicuro NO! mafalda

Senza parole ma con la rabbia dentro.

“L’ho uccisa a coltellate e poi ho bruciato il suo corpo quando era ancora viva”. Sono le notizie come questa di Corigliano Calabro che ti lacerano dentro. Perché ad un gesto del genere non c’è scusante. Nessuna scusante. Nemmeno la gelosia. Nemmeno il possesso. Sicuro. Nemmeno l’amore. Anzi, meno che mai l’amore. Perché l’amore è altra cosa. Purtroppo non lo insegnano a scuola, l’amore. Solo la vita te lo può insegnare. Ma certo si potrebbe insegnare il rispetto di genere, il rispetto di sé, il valore del riconoscere l’altro come un altro sé stesso. Ma la scuola non può da sola. No, occorre un’azione globale iniziando da noi.